… UNA PASSIONE AL SERVIZIO DEI PIU’ BISOGNOSI …

Se chiedi a Paola quale è l’ingrediente principale delle sue ricette, la risposta è una: l’amore. Amore condito da una viscerale passione per i fornelli. Due componenti sorrette da una impalcatura saldamente ancorata a una tradizione bergamasca geneticamente tramandata da una nonna che ha coltivato a dovere otto figli e da una madre che ogni domenica racconta a quattordici palati i sapori antichi della sua terra.
Certo questo avrebbe il sapore gramo della retorica se non fosse che Paola, contro ogni moderna logica, tutti i sughi e le fatiche dei suoi talenti li mette al servizio del bene altrui.
Il suo progetto nasce dalla consapevolezza che la vita le ha dato tanto, anzi, tantissimo e dal bisogno di restituire un po’ del ricevuto. Forte in lei è il desiderio di onorare il ricordo dell’amato padre con un pozzo, che però sia frutto esclusivo dei suoi talenti così, nel 2009, dà vita a ilbuongustaio, una associazione autorizzata a distribuire cibi e bevande.
L’idea è semplice: condividere una bella casa con tanti amici-soci che prenotano, pranzano e pagano un prezzo prestabilito. Il ricavato, detratte le sole spese dei cibi – tutte le altre spese e la manodopera sono a carico della famiglia – va alle opere dei più bisognosi.