CFA-Soddo-03_13-7021
MANTENIMENTO DELL’ASILO DI WALACHA

Oltre la soddisfazione per la riedificazione dell’asilo, ci gratifica molto la consapevolezza di contribuire al mantenimento e all’istruzione dei circa 250 bambini che lo frequentano. Secondo l’esperienza riportataci da una nostra socia insegnante che ha vissuto un’esperienza come volontaria nell’asilo di Walacha, contrariamente a quanto avviene nelle nostre scuole, tutte le fasi della vita dell’asilo – ad eccezione delle attività ricreative – si svolgono nel massimo ordine e silenzio. I bambini attendono in fila il succedersi degli avvenimenti.
Prima, importantissime, le operazioni di rispetto delle norme igieniche, con la lavanda delle mani; quindi, raggiunto in fila il proprio posto, i bambini attendono la distribuzione del cibo e i bimbi, pur affamati, attendono che tutti siano serviti. Una preghiera di ringraziamento e all’unisono circa 250 bocche addentano l’unico cibo della giornata.

Ultimamente ci è stato chiesto di implementare le stoviglie necessarie al rimpiazzo di quelle danneggiate e a soddisfare l’aumento del numero dei commensali. Anche a questa richiesta abbiamo risposto stanziando 10.000 euro circa. Anche alla fine dell’anno scolastico ci siamo fatti carico della distribuzione di materiale didattico ai bambini per i compiti delle vacanze. Oltre a lasciare loro una testimonianza del loro percorso educativo, questo serve anche a mantenere con loro un legame psicologico quando sono lontani dall’asilo e a garantire ad ognuno la certezza di un imminente ritorno nella struttura. Particolarmente significativo ci appare il nesso che lega il nostro operato. Aderendo alle nostre cene i nostri soci procurano cibo a piccoli ospiti lontani… una sorta di comune mensa virtuale, concretamente reale nella sostanza.

CFA-Soddo-03_13-7021g